Un interno familiare di infinita dolcezza in un’antica canzone di Natale

Un interno familiare di infinita dolcezza in un’antica canzone di Natale

Un interno familiare di infinita dolcezza in un’antica canzone di Natale

di Fernando Scozzi

Il Bambino muove i primi passi per la casa, la Madonna si inchina e lo bacia, San Giuseppe con gli occhi d’amore, si inchina, lo bacia e gli dona il suo cuore. I genitori si inchinano davanti al Figlio perché ne conoscono la natura divina. Poi l’attenzione si sposta fra le mura domestiche dove regna la serenità e la concordia: Maria lava, Giuseppe stende, ma il piccolo piange perché ha fame e allora nella casa risuona la voce rassicurante della mamma, come quella di qualsiasi mamma…

 

Lu Bambinu camina pè casa

La Matonna se chica e lu vasa

San Giuseppe cu l’occhi t’amore

Se chica, lu vasa e ne dona lu core.

 

Maria lavava

Giuseppe spannìa

Bambinu chiancìa

Ca latte nunn’à.

 

Cittu Bambinu

Mo vegnu tte piju

Te tau lu latte

Te vau curcà.

 

(articolo pubblicato sul giornale “Il Carrubo” nel 2010)

Redazione

leave a comment

Create Account



Log In Your Account