Terra&Salute – Il melograno: proprietà, benefici e usi in cucina

Di Matteo Francioso

Il melograno “Punica Granatum” è una pianta appartenente alla famiglia delle Punicaceae, originaria dell’Asia sud – occidentale, coltivata in tutto il bacino del Mediterraneo, sia a scopo ornamentale sia per la produzione dei frutti “melagrana”.
Tra le piante ornamentali, troviamo la varietà nana “Punica granatum nana” adatta alla coltivazione in vaso. Questa pianta presenta dimensioni ridotte e frutti che non sono commestibili.

CARATTERISTICHE BOTANICHE
Il melograno è una pianta con portamento arbustivo – cespuglioso, può raggiungere anche i 6 metri di altezza, produce numerosi polloni alla base del tronco.
Sui rami spesso spinescenti, troviamo foglie opposte e riunite in verticilli, caduche, lucide, lanceolate, con margine intero.
Nel periodo che va tra Maggio e Luglio, nella parte terminale dei rametti, si differenziamo fiori ermafroditi, isolati o in gruppi di 2 – 3, caratterizzati da un colore rosso vivo.
La fioritura e la maturazione dei frutti sono scalari.
Il frutto che matura in ottobre – novembre è una bacca denominata “balausta”.
Presenta aspetto globoso, epidermide di consistenza coriacea, dimensioni e forma variabile in funzione della specie.
La sezione interna è suddivisa in 7 – 15 loculi contenenti numerosissimi semi “arilli” separati da una fine membrana detta cica.
Nella parte apicale del frutto, in posizione opposta al picciolo, troviamo una corona costituita da 4 – 5 pezzi, che rappresentano i residui del calice fiorale.
I semi sono traslucidi, brillanti, angolosi, rivestiti da una polpa succosa, il cui colore può variare dal bianco al rosso acceso chiamata arillo.
Il frutto matura nel periodo compreso tra settembre e novembre.

TECNICHE COLTURALI

melograno-albero_ng2Essendo una pianta termofila, offre le migliori produzioni in ambienti con clima temperato caldo.
Temperature intorno ai -10°C risultano essere dannose.
Si adatta bene a diversi tipi di terreno, con preferenza verso quelli sciolti, di medio impasto, fertili, ricchi di humus e ben drenati.
Mal sopporta terreni compatti e umidi. Il ristagno idrico è la principale causa di marciumi radicali.
Richiede esposizione diretta alla radiazione solare e protezione dal vento.
Si propaga per seme, talea legnosa, pollone e per margotta.
Il periodo migliore per mettere a dimora una pianta acquistata in vivaio è Ottobre, in quanto questa si trova in fase di riposo vegetativo.
Per avere abbondanti produzioni è importante irrigare con regolarità, soprattutto a partire dalla fioritura fino alla completa formazione dei frutti.

POTATURA
A seconda del tipo di potatura di allevamento, la pianta può presentarsi ad alberello o a cespuglio.
Nella forma ad alberello, nei primi tre anni, la potatura consiste nell’asportare durante il periodo invernale i polloni e succhioni che si formano rispettivamente al pedale della pianta e sulle branche.
La fruttificazione comincia a partire dal quarto-quinto anno.

PROPRIETÀ NUTRITIVE E TERAPEUTICHE DEL MELOGRANO
succo-di-melograno-beneficiIl valore nutrizionale della melagrana è legato al contenuto di Sali minerali (ferro, calcio, magnesio, rame, zinco, fosforo, manganese e soprattutto potassio), vitamine (A, B, C, E, K), proteine, grassi, carboidrati, acqua, zuccheri e fibre.
Un solo frutto soddisfa il 40 % del fabbisogno giornaliero di vitamina C.
L’elevata concentrazione di ferro aumenta i livelli di emoglobina nel sangue e riduce l’anemia.
La melagrana è ricca di antiossidanti, i quali conferiscono a questo frutto proprietà antinfiammatorie, gastro protettive e antitumorali. Tra i principali antiossidanti troviamo flavonoidi e acido ellagico i quali prevengono e combattono i tumori al seno, prostata, polmoni.
Il succo agisce da anticoagulante prevenendo il rischio di arteriosclerosi.
Il consumo regolare di succo di melagrana riduce i livelli di colesterolo cattivo (LDL) aumentando quello buono (HDL), contrasta l’invecchiamento della pelle, previene malattie cardiovascolari, migliora la funzionalità delle articolazioni, presenta proprietà antibatteriche e antivirali, astringenti, stimola l’appetito, ha proprietà vermifughe, utile contro la “Tenia solium”.
Sostanze contenute nel succo sono utili contro la depressione, hanno effetti benefici sul morbo di Alzheimer, proteggono l’organismo umano dalle allergie e aumentano le difese del sistema immunitario.

CONTROINDICAZIONI
L’eccessivo consumo di succo di melagrana potrebbe inibire l’effetto di alcuni farmaci come ad esempio: antinfiammatori, antidepressivi e antidiabetici.

USO COSMETICO
Olio e cosmetici alla melagrana rendono la pelle più tonica, idratata grazie anche alla presenza di Omega 5. La presenza di antiossidanti, in particolare dei polifenoli, protegge il nostro corpo da agenti atmosferici, specialmente dai raggi UVA, prevenendo l’insorgere dei tumori della pelle.

COME UTILIZZARE LA MELAGRANA IN CUCINA
Essa presenta un basso contenuto di calorie, circa 70 calorie ogni 100 grammi di prodotto.
I frutti possono essere consumati freschi o trasformati in succhi, sciroppi e gelatine.
In cucina può essere utilizzata per la preparazione di insalate, risotti, salsa per carni, frullati, zuppe, strudel di mele e melagrana, pollo con uva e melagrana, pesce spada alla melagrana, torte alla melagrana.

Torta al melograno

torta-al-melograno1Ingredienti: zucchero 150 gr, farina 200 gr, farina di Farro 100 gr, lievito 1 bustina, sale q.b., olio 75 ml, yogurt 2 vasetti, 2 melagrane, 2 uova.
Preparazione:
In una ciotola montare le uova e lo zucchero con la frusta elettrica sino ad ottenere un composto spumoso; unire l'olio e mescolare bene.
Aggiungere lo yogurt ed il sale e poi gradualmente le due farine setacciate con il lievito, mescolare bene e, se occorre, aggiungere un po’ di latte. Preparare e filtrare il succo della melagrana e versarlo nel composto; aggiungere una manciata di chicchi interi e mescolare bene.
In una teglia imburrata ed infarinata versare il composto in modo da coprire tutta la superficie in maniera uniforme e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti circa.
Verificare la cottura della torta con uno stuzzicadenti, se questo è asciutto, la torta è pronta. Farla raffreddare e servirla con chicchi di melagrana sparsi intorno.
Avatar

Redazione

leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Create Account



Log In Your Account