Passeggiar tra tradizioni e cultura: la Casa Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Grika

A pochi passi dalla Chiesa Matrice del piccolo paese di Calimera, percorrendo l’antica via Costantini, sembra di perdersi nella calda vita di un tempo, tra antichi giochi e tradizioni. Nel cuore del Salento si incontra, infatti, la Casa Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Grika, costruita attraverso le voci del suo popolo, dagli oggetti, dagli strumenti del duro lavoro della campagna, dai racconti, gli antichi mestieri e la lingua della sua gente… Mentre la voce di Silvano Palamà e Vito Bergamo, responsabili del Museo e instancabili amanti della loro terra, guidano in un percorso che conduce nei solchi contadini e nella realtà di valori d’un tempo, la loro passione dà respiro al tempo, nella terra di un popolo che questa cultura l’ha costruita, con il duro lavoro nei campi, con le canzoni, la lingua, il sorriso, le tradizioni…

E’ il griko, lingua greca d’impronta bizantina, a inebriare la casa a corte dei suoi elementi caratteristici, il cortile con pozzo e scala, il pergolato, le stanze a volta… E’ in questa dimensione che trascende al tempo che la storia, l’archeologia, l’architettura si permeano negli oggetti del museo, opere di artigianato che accompagnano riti ed eventi, utensili da cucina dei vecchi focolai in cui le famiglie numerose sapevano nutrirsi degli antichi odori e sapori, dei valori domestici… Luogo di memoria e di ricerca della realtà greco-salentina, il Museo raccoglie reperti di necropoli, casali, pietre che narrano del tempo…e ancora utensili di lavoro di una società contadina, fatta di lotte, fatiche e di sacrifici, ma anche del valore di casa e famiglia… vestiari, utensili casalinghi, di cui paiono sentirsi ancora le voci e il calore…
E accanto a tutto, nella cultura tangibile e immateriale dell’isola ellefona situata nel cuore del Salento, scorrono le parole dei testi presenti che raccontano la storia, la lingua, l’arte, le tradizioni, la musica, la cultura della Grecìa Salentina…

Foto di Ivan Giannone

Redazione

leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Create Account



Log In Your Account