Lecce-Verona 0-1, la decide l’ex Pessina. Esordio amaro al Via del Mare

Lecce-Verona 0-1, la decide l’ex Pessina. Esordio amaro al Via del Mare

Lecce-Verona 0-1, la decide l’ex Pessina. Esordio amaro al Via del Mare

Brutta prestazione del Lecce che, nonostante il grande entusiasmo per l’esordio in casa al Via del Mare, perde per 1-0 contro il Verona in una delle partite fondamentali da vincere per centrare la salvezza.

Liverani spedisce in panchina La Mantia per fare spazio al duo offensivo Falco-Lapadula, supportato dal trequartista Mancosu, ritornato titolare dopo la panchina a San Siro contro l’Inter; mentre il Verona decide di mandare in campo dal 1’ minuto il neoarrivato Amrabat nel ruolo di trequartista insieme a Zaccagni con Tutino unica punta. Primo tempo abbastanza noioso con pochi sussulti da parte di entrambe le squadre, anche se a salire in cattedra è il Verona che sfiora l’1-0 più volte, soprattutto con Miguel Veloso, sempre più incisivo nel gioco di Juric e letale nei calci piazzati. Proprio da una situazione di palla inattiva arriva l’occasione più ghiotta del primo tempo con Zaccagni che al 20’ colpisce un palo clamoroso che fa tremare l’intero stadio.

Il Lecce entra nella ripresa con un piglio diverso, pronto a riscattare il pessimo primo tempo disputato. Tuttavia, il Verona non tira i remi in barca e risponde colpo su colpo alle trame giallorosse tant’è che all’81esimo sono proprio i gialloblu a trovare il gol decisivo per la vittoria con l’ex Matteo Pessina, appena arrivato in prestito con diritto di riscatto dall’Atalanta. Il classe 97’ approfitta del velo del suo compagno di squadra Verre e conclude in porta con un preciso destro rasoterra su cui Gabriel si fa sorprendere. Il Lecce prova a reagire, ma all’89’ Silvestri è bravo ad allungarsi e a spedire in calcio d’angolo il tiro debole ma angolato di Mancosu.

Delusione e tanta rabbia tra gli spalti per il Lecce di Fabio Liverani che, dopo due giornate, si trova in fondo alla classifica con nessun punto raccolto, 5 reti subite e, soprattutto, 0 gol fatti. Ecco perché il campanello d’allarme più importante riguarda il fronte offensivo che, nonostante la presenza di La Mantia e gli arrivi di Farias e Lapadula, non è riuscito ancora a farsi valere e ad essere incisivo in zona gol. Non è un mistero, infatti, che la società si sia mossa durante tutto il calciomercato per portare nel Salento un grande bomber, sondando il terreno prima per Yilmaz e poi per Choupo-Moting, rimasti rispettivamente l’uno al Besiktas e l’altro al Psg. Con il tramontare definitivo di questi sogni, il direttore Meluso è stato costretto a ripiegare su nomi di secondo piano come Babacar, attaccante senegalese in uscita dal Sassuolo e che proprio in queste ultime ore di mercato dovrebbe aggiungersi all’organico a disposizione di mister Liverani nella speranza che possa essere lui l’attaccante ideale per far esultare il Via del Mare.

Giacomo Rimo

Giacomo Rimo

Diciassette anni, passione per il teatro e per il giornalismo, amo lo sport e la letteratura. Per La Piazza Magazine parlo di calcio e di mercato.

leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Create Account



Log In Your Account