Una chiacchierata con Gesù Bambino…

Una chiacchierata con Gesù Bambino…

Una chiacchierata con Gesù Bambino…

Caro Gesù,

eccoci vicino al tuo giaciglio, ormai sei nato, tra qualche giorno riceverai dei preziosi regali, poi ti battezzeremo e ti faremo subito diventare grande, anzi, questa volta prima del solito, visto che già a fine marzo si preparerà la tua Passione. Hai ragione… non pensiamo alla morte sin da ora, piuttosto parliamo un po’…

Come ci hai trovati in questo Natale? Non so cosa pensi tu, ma io ho l’impressione che il Natale non cambi davvero nulla di ciò che è essenziale cambiare… chi è già vicino e in armonia tale resta anche a fine Dicembre, viceversa, tante persone distanti affettivamente e separate da un muro di silenzio non vivono di certo il miracolo di un abbraccio a Natale… poi, in mezzo a questi due estremi, scorrono strette di mano, pacche sulle spalle, parole di circostanza e fiumi di messaggini scritti con le funzioni automatiche dei nostri aggeggi tecnologici all’interno dei quali siamo nomi di una rubrica o faccine di un profilo, ma mai sorrisi, lacrime, mugugni e riconciliazioni  in carne ed ossa.

La verità è che carichiamo di troppe aspettative le feste natalizie, mentre può essere Natale in qualsiasi giorno dell’anno se compiamo un gesto autentico di accoglienza, così come un rifiuto o una porta sbattuta in faccia sono brutti sempre, non solo a Natale. Cosa? Tuo Padre ci vuole liberi di scegliere se chiudere o spalancare un cuore? …liberi di costruire un ponte di parole o di tacere? Liberi di andare incontro a qualcuno o di evitarlo? Liberi di accarezzare un’anima o di affondarle un pugno? Liberi di vivere un Natale ad agosto o di lasciar passare come nulla fosse quello di dicembre? Ed è vero anche questo!

La libertà… la libertà degli altri che può ferirci; la nostra libertà che può ferire gli altri; la tua libertà, Gesù, che avresti potuto svignartela nell’orto degli ulivi ed invece scegliesti di andare in Croce… ma ora basta pensare a ciò che ti aspetta tra qualche mese, il Natale è appena passato, la tua culla nel presepe è ancora calda… sarebbe bello lasciarla sistemata ben oltre la Domenica del tuo Battesimo, per darti la possibilità di venire quando vuoi… per darci la possibilità di vivere un Natale fuori stagione!

Gabriella D'Aquino

Gabriella D'Aquino

Nata a Lucerna, ma cresciuta a Casarano, dove attualmente vivo. Mi sono laureata in Giurisprudenza a Bari e lavoro come operatrice in un call center. Tra codici di diritto e consulenze telefoniche, coltivo due grandi passioni: il canto e la scrittura. Cantando e scrivendo mi sollevo da terra e comincio a girovagare tra le nuvole... un posto che adoro!

leave a comment

Create Account



Log In Your Account