Chi va piano va sano e va lontano: tutti i vantaggi della lentezza

Chi va piano va sano e va lontano: tutti i vantaggi della lentezza

Chi va piano va sano e va lontano: tutti i vantaggi della lentezza

Il nostro è un tempo caratterizzato da una specie di frenesia collettiva: abbiamo ritmi di lavoro e di vita estremamente convulsi e riempiamo le nostre giornate di impegni, senza prevedere momenti di sosta. Tutto questo è dannoso per il nostro benessere, infatti è proprio nella lentezza che riusciamo a provare le sensazioni più belle come assaporare un cibo, godere di un panorama o della compagnia di chi amiamo.

E poi, se c’è qualcosa che differenzia l’essere umano dalle altre specie animali, questa è proprio il pensiero lento, quello che va oltre le azioni rapide della mera sopravvivenza e che permette l’elaborazione di quei concetti che ci rendono delle creature razionali.

Non a caso il cervello umano richiede un quarto di vita per la sua maturazione e un tempo così lungo permette di imprimere un’impronta personale al suo sviluppo, aggiustando continuamente le connessioni tra le fibre nervose in base alle influenze individuali ed ambientali.

La lentezza, inoltre, è alla base della conoscenza di se stessi e di coloro con i quali intratteniamo delle relazioni. Ci vuole tempo e pazienza per conoscerci nel profondo e gestire le nostre emozioni, così come ci vuole tempo e dedizione per conoscere gli altri, per ascoltarli e per dialogare, dando in questo modo vita a dei rapporti duraturi, rapporti fatti di esperienze condivise.

Ed allora, vale la pena mettere in pratica qualche comportamento che ci aiuti a recuperare un ritmo di vita più lento. Per esempio, svegliarsi cinque minuti prima aiuta a prepararsi senza fretta e con un pizzico di allegria; se possibile, bisognerebbe evitare di fare due cose contemporaneamente, per non essere stressati ed approssimativi; ancora comprare le cose nel negozio sotto casa, anche se un pò più costose, ci aiuta a risparmiare tempo; poi si dovrebbe preferire una camminata all’incolonnamento in auto, almeno quando usciamo per svago o relax e, nel riempire l’agenda di appuntamenti, bisognerebbe sempre ricordarsi che la giornata ha solo ventiquattro ore.

Infine, sarebbe un bene mettere al bando dal nostro vocabolario l’espressione “non ho tempo”, questa è una frase che può far sembrare sempre in attività e, di conseguenza, importante chi la pronuncia, ma le persone che si danno davvero importanza, scelgono i ritmi lenti, che fanno bene al corpo e alla mente.

Gabriella D'Aquino

Gabriella D'Aquino

Nata a Lucerna, ma cresciuta a Casarano, dove attualmente vivo. Mi sono laureata in Giurisprudenza a Bari e lavoro come operatrice in un call center. Tra codici di diritto e consulenze telefoniche, coltivo due grandi passioni: il canto e la scrittura. Cantando e scrivendo mi sollevo da terra e comincio a girovagare tra le nuvole... un posto che adoro!

leave a comment

Create Account



Log In Your Account