‘Carissimi fratelli turisti”: il saluto di Don Fernando Vitali ai villeggianti

Inizia un’altra estate, piena di colori e svaghi, di amicizie ritrovate e di mare profumato e trasparente. Questo è il nostro Salento, questa è la nostra piccola ma ospitale cittadina, che sa celebrare gli incontri con animo candido e ricco di storia e valori. In questo tempo c’è spazio per il riposo ed per il divertimento, ci saranno notti da trascorrere sulla riva di un mare vasto che ci commuove con il mistero delle sue voci senza tempo e ci saranno giorni nei quali sapremo fare nuovi incontri. Ma c’è spazio, ci deve essere anche l’opportunità del ritorno alle ragioni vere del nostro vivere. Tra i tanti modi in cui ciò potrà avvenire, don Fernando Vitali, Parroco della Chiesa di Mancaversa, dedicata alla Madonna Immacolata, ce ne propone uno e apre la chiesa e le sue braccia ad una accoglienza speciale.  Buona Estate a tutti, cari amici.

Carissimi Fratelli Turisti,

siate i benvenuti, accolti dal profumo di questa nostra terra salentina. Una terra ancora incontaminata, non devastata dal “cemento selvaggio”, una terra affidata dal Creatore alle nostre mani, da custodire.

Nella “Vita seconda” di San Francesco, scritta da Tommaso da Celano, leggiamo che il Santo d’Assisi chiedeva che nel convento si lasciasse sempre una parte dell’orto non coltivata, perché vi crescessero le erbe selvatiche, in modo che, quanti le avrebbero ammirate, potessero elevare il pensiero a Dio, autore di tanta bellezza.

la chiesa di Mancaversa durante i festeggiamenti per S. Anna

Scrive Papa Francesco nell’Enciclica <<Laudato Sì>>, “Il mondo è qualcosa di più di un problema da risolvere, è un mistero gaudioso che contempliamo nella letizia e nella lode”.

La vacanza così non è sfrontatezza, liberazione selvaggia dalle tensioni accumulate nel periodo stressante del lavoro.

La vacanza è un tempo prezioso, indispensabile per rigenerare il corpo e lo spirito, ritrovando se stessi, e in se stessi quei valori quali “pace”, “serenità”, “armonia”, “fiducia”, “speranza”; valori importanti per instaurare relazioni nuove con gli altri e col mondo che ci circonda.

Le stesse cose di prima viste con occhi diversi, quelli dello stupore, a questo vuole portarci il periodo di riposo.

Questo è l’augurio che faccio a tutti con la mia accoglienza di “padre, fratello, amico e compagno” di un viaggio breve ma, se lo vorremo, assai intenso. E, in queste vesti, ti faccio una proposta: Fratello e sorella, se lo riterrai avrai modo di ringraziare, di stare, di esprimere il tuo <<Laudato si’>> al Signore, sostando per il tempo che credi nella Chiesa Parrocchiale aperta ogni giorno dalle ore 7 alle ore 12 e dalle 17 alle 21. Il Signore ci chiama, vuole parlare a tutti: Fai silenzio e mettiti in ascolto.

Ti rendo noto l’orario degli appuntamenti liturgici più importanti per luglio ed agosto:

Giorno Feriale: 

  •  ore  8.00 Santa Messa;
  • ore 18.30 recita del Santo Rosario;
  • ore 19.00 Santa Messa

Ogni giovedì, dalle ore 21 alle ore 22, Adorazione Eucaristica.

Sabato (e prefestivo):  

  • ore 18.30 recita del Santo Rosario;
  •  ore 19.00 Santa Messa
  • Ore 20.00 Adorazione Eucaristica Notturna continuata sino alle ore 7.30 della domenica.

Domenica (o giorno festivo): S. Messe ore 8.00, 09.30, 19.00, 21.00.

Si dà sempre spazio per le confessioni e direzione spirituale in qualsiasi momento lo si ritenga opportuno. Sarà a disposizione per questo anche Don Luigi Previtero, novello Sacerdote della nostra città.

la spiaggia di “Mancaversa dei Cavalli”

Ricordo poi che il Sacramento della Cresima sarà amministrato dal nostro Vescovo il 23 luglio alle ore 9,30.

La festa liturgica di Sant’Anna, infine, è normalmente prevista per il 26 luglio, con la benedizione alle ore 19,00 delle mamme in dolce attesa e di quelle che hanno partorito nell’anno in corso. Ma attendo tutte le mamme, i papà ed i figli.

La festa civile della Santa sarà celebrata il 29 ed il 30 luglio. La processione di Sant’Anna avverrà il 29, alle ore 20.

Vi affido, questa preghiera di Papa Francesco, con la quale il nostro amato Pontefice conclude l’Enciclica <<Laudato si’>>:

Signore Dio, Uno e Trino, 
comunità stupenda di amore infinito,
insegnaci a contemplarti 
nella bellezza dell’universo,
dove tutto ci parla di te.
Risveglia la nostra lode 
e la nostra gratitudine
per ogni essere che hai creato.
Donaci la grazia di sentirci intimamente uniti con tutto ciò che esiste.
Dio d’amore, mostraci il nostro posto 
in questo mondo
come strumenti del tuo affetto 
per tutti gli esseri di questa terra,
perché nemmeno uno di essi 
è dimenticato da te.
Illumina i padroni del potere 
e del denaro
perché non cadano nel peccato dell’indifferenza,
amino il bene comune, 
promuovano i deboli,
e abbiano cura di questo mondo 
che abitiamo.
I poveri e la terra stanno gridando:
Signore, prendi noi 
col tuo potere e la tua luce,
per proteggere ogni vita, 
per preparare un futuro migliore,
affinché venga il tuo Regno di giustizia, di pace, di amore, di bellezza,
Laudato si’!

Amen

Don Fernando

Avatar

Redazione

leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Create Account



Log In Your Account